Meditazione sul mistero della morte

mistero della morte

Vedere il corpo umano di un essere caro in una bara non significa aver compreso il mistero della morte.

L’io vuole sempre – com’è naturale – un’assicurazione sulla morte, una garanzia supplementare, una qualche autorità che si incarichi di assicurarci una buona posizione o un qualche tipo di immortalità oltre il terrificante sepolcro.

Il me stesso non ha molta voglia di morire, l’io vuole continuare, l’io ha molta paura della morte.

Il mistero della morte

il mistero della morte

La verità non è una questione di credere o di dubitare. La verità non è una questione di idee, di teorie, di opinioni, di concetti, di preconcetti, di presupposti, di pregiudizi, di affermazioni, di negoziati.

La verità sul mistero della morte non è un’eccezione.

La verità sul mistero della morte può essere conosciuta solo attraverso l’esperienza diretta.

È impossibile comunicare l’esperienza reale della morte a chi non la conosce.

smael aun weor

Qualsiasi poeta può scrivere bei libri d’amore, ma gli sarà impossibile comunicare la verità sull’amore a persone che mai l’abbiano sperimentato.

In modo del tutto analogo si può dire che è impossibile comunicare la verità sulla morte a persone che non l’abbiano sperimentata.

L’osservazione e l’esperienza di molti anni ci hanno permesso di comprendere che alla gente non interessa capire il profondo significato della morte, alla gente l’unica cosa che interessa è continuare nell’aldilà, tutto qui.

Osservando attentamente l’umanità, possiamo verificare che la mente è sempre imbottigliata nel conosciuto e vuole che quanto è conosciuto continui oltre il sepolcro.

SAMAEL AUN WEOR

La mente imbottigliata nel conosciuto mai potrà sperimentare lo sconosciuto, il reale, il vero.

La paura della morte

Chi desidera continuare, teme la morte e le sue credenze e teorie gli servono solo da narcotico.

La morte in se stessa non ha nulla di terrificante, è qualcosa di molto bello, sublime, ineffabile; ma la mente imbottigliata nel conosciuto si muove solo dentro il circolo vizioso che va dalla credulità allo scetticismo.

La vita e la morte costituiscono un tutt’uno intero, la morte è il deposito della vita.

paura della morte

Il raggio della morte

La vita è energia determinata e determinatrice. Dalla nascita fino alla morte fluiscono nell’organismo umano vari tipi di energia.

L’unico tipo di energia a cui l’organismo umano non può resistere è il raggio della morte.

Il raggio della morte origina tensioni elettriche molto intime e una nota chiave che ha il potere determinante di combinare i geni dentro l’ovulo fecondato.

La verità sulla morte, l’intervallo fra la morte e il concepimento, è qualcosa che non appartiene al tempo e che solo mediante la scienza della meditazione possiamo sperimentare.

Samael Aun Weor

Brani estratti dal capitolo 29 del libro

Educazione Fondamentale

Load More In Blog

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Il Dualismo, la Monade e il Ritorno

Contenuti dell’articoloshowIl dualismo, la Monade e il ritornoPrincipi IntelligentiL…